You are here

News

L'UTE Techint Ingeniería y Construcción-Dycasa ha concluso a Buenos Aires i lavori di questa stazione che aggiunge un chilometro al percorso della linea H, permettendo la circolazione di più di 40.000 passeggeri al giorno.

Nel progetto di ampliamento della linea H della Subterráneos de Buenos Aires, l'UTE costituita da Techint Ingeniería y Construcción e Dycasa, ha finalizzato i lavori della stazione Facoltà di Diritto, che è localizzata tra l'edificio dell'Università di Buenos Aires e la Plaza República Federativa de Brasil, all'incrocio dei viali Figueroa Alcorta e Pueyrredón della Città Autonoma di Buenos Aires.

Aggiunge un chilometro al percorso della Linea H, di cui si avvarranno quotidianamente oltre 40.000 utenti, tra studenti, impiegati, abitanti della zona e turisti in visita alla città.

Per la complessità del percorso sotterraneo in quest'area della città, la prima parte, che unisce alla stazione Las Heras, è stata realizzata mediante il sistema di costruzione Side Drift, utilizzato in Argentina per la prima volta per incroci di questo tipo. Si tratta di una tecnica manuale di costruzione di tunnel che permette di scavare con il minimo impatto sullo spazio pubblico, evitando così di danneggiare i servizi, le tubature e le telecomunicazioni che passano nella parte superiore delle tunnel. Inoltre, non è stato nemmeno alterato il funzionamento della terza cloaca più importante della città, che passa proprio sotto l'Avenida Figueroa Alcorta.

La stazione Facoltà di Diritto – che per votazione degli abitanti della zona riceverà il nome di Julieta Lanteri, medica, politica e femminista italo-argentina – è la prima in superficie del paese ad avere tre ascensori e due scale mobili, che mettono in comunicazione la strada pubblica con gli atri, e questi con i marciapiedi, rendendola accessibile al 100% alle persone con mobilità ridotta. Dall'altro lato, per le persone non vedenti è disponibile un sistema di pavimentazione guida, che indica prevenzione, pericolo e cartelli in braille negli accessi e nei corrimani.

Possiede, inoltre, un impianto di ventilazione forzata, rilevamento ed estinzione d'incendi. Infine, le uscite di emergenza verso la superficie sono ad apertura manuale e morbida, grazie ad ammortizzatori idraulici che non richiedono l'alimentazione elettrica per il loro funzionamento.

Con tredici chilometri di rotaie, gallerie e stazioni, il progetto di estensione della Linea H della metropolitana è la maggiore opera infrastrutturale di Buenos Aires degli ultimi sessant'anni.